Fermo, Altidona, Belmonte Piceno, Campofilone, Falerone, Francavilla D'Ete, Grottazzolina, Lapedona, Magliano di Tenna, Massa Fermana, Monsanpietro Morico, Montappone, Monte Giberto, Monte San Pietrangeli, Monte Vidon Combatte, Monte Vidon Corrado, Montegiorgio, Montegranaro, Monteleone di Fermo, Monterinaldo, Monterubbiano, Montottone, Moresco, Ortezzano, Pedaso, Petritoli, Ponzano di Fermo, Porto San Giorgio, Rapagnano, Sevigliano, Torre San Patrizio

phone-call+39 0734.603167

news ed eventi

02/01/2019
Bonus Bebè esteso ai nati nel 2019
Foto Articolo News
Disposta l’estensione del Bonus bebè anche ai figli nati o adottati dal 1 gennaio 2019 al 31 dicembre 2019, fino al compimento del primo anno di vita o di adozione.

Il Decreto Legge 23 ottobre 2018, n. 119 (cd. “DL Fiscale”), coordinato con la Legge di conversione 17 dicembre 2018, n. 136, recante «Disposizioni urgenti in materia fiscale e finanziaria», pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 293 del 18 dicembre 2018, all’art. 23 quater dispone l’estensione del Bonus bebè anche ai figli nati o adottati dal 1 gennaio 2019 al 31 dicembre 2019, fino al compimento del primo anno di vita o di adozione. In caso di figlio successivo al primo, l’importo del bonus è aumentato del 20 per cento.

 

Le mamme, i papà o i genitori adottivi italiani, di un paese dell’Unione europea o extracomunitari se in possesso del permesso di soggiorno CE, possono fare richiesta all’Inps per ricevere il bonus bebè purché siano, naturalmente, residenti in Italia.

 

Nello specifico e per quanto riguarda il 2019, la richiesta può essere presentata per quei figli nati tra il 1 gennaio e il 31 dicembre 2019.

 

L’assegno, una volta elaborata la richiesta da parte dell’Inps, viene corrisposto mensilmente e deve esserne fatta domanda entro 90 giorni dalla nascita o dall’ingresso nel nucleo familiare del nuovo arrivato.

In ogni regione italiana le famiglie possono presentare domanda all’Inps per ottenere questa agevolazione attraverso tre differenti modalità:
  • recandosi in un ente di Patronato che lavorerà la richiesta per conto della famiglia;
  • inviando la domanda online, tramite il sito dell’Inps, se in possesso del PIN dispositivo rilasciato dall’istituto
  • telefonando al numero del contact center dell’Inps

 

Per ulteriori informazioni cliccare qui

torna all'archivio delle news
HTML 4.01 Valid CSS Pagina caricata in: 0.059 secondi - Powered by Simplit CMS